ZENZERO

9,90

VASO: CM 14 / LT: 1,20

 

Spedizione Nazionale Gratuita per ordini superiori a 99,00
 

Descrizione

Lo zenzero (Zingiber officinale) è una pianta erbacea delle Zingiberaceae (la stessa famiglia del Cardamomo) originaria dell’Estremo Oriente. Coltivata in tutta la fascia tropicale e subtropicale, è provvista di rizoma carnoso e densamente ramificato dal quale si dipartono sia lunghi fusti sterili e cavi, formati da foglie lanceolate inguainanti, sia corti scapi fertili, portanti fiori giallo-verdastri con macchie porporine.

Lo zenzero è una pianta che si sviluppa al meglio dove il clima è tropicale o subtropicale quindi con forte umidità e temperature elevate.

Se la temperatura scende sotto i 15° C. questa pianta inizia a soffrire e la sua crescita si arresta.

L’esposizione migliore è quella semi ombreggiata ma con una forte luminosità.

Il sole diretto, il vento, il terreno secco o imbevuto d’acqua causano scottature alle foglie o marciumi al tenero rizoma in caso di ristagni di acqua nel terreno.

Il terreno deve essere ben drenato, soffice e reso fertile da abbondante apporto di materia organica  ben matura.

Lo zenzero non vuole suoli troppo compatti che risulterebbero di difficile crescita per il suo rizoma e non sopporta i terreni calcarei.

E’ una pianta rustica e dove il clima e il terreno risultano ottimali coltivare lo zenzero non è difficoltoso.

L’epoca migliore per raccogliere i rizomi  è il periodo  di gennaio e febbraio  da piante di almeno 6 mesi di età.

La radice raccolta da piante  più giovani è ancora acerba è verde con un gusto più delicato, leggero e aromatico.

Quanto più il rizoma viene raccolto da piante vecchie tanto più il suo sapore diventa forte e pungente.

E’ possibile consumarlo fresco o farlo essiccare al sole per poi macinarlo e ridurlo in polvere.

La radice di zenzero fresca si conserva in frigorifero in un sacchetto per alimenti mentre se è secca o in polvere si ripone in un contenitore a chiusura ermetica tenuto in un luogo asciutto e buio.

Questa spezia viene classificata in diverse varietà commerciali le più pregiate sono quelle giamaicane, australiane e bengalesi.

La sua importanza commerciale è tale che ogni anno in tutto il mondo vengono coltivate circa 100.000 tonnellate di zenzero.

Il rizoma essiccato, generalmente commercializzato in polvere, è impiegato come spezia in cucina e nella preparazione di liquori e bibite (in particolare del Ginger ale) come aromatizzante. Ha proprietà stimolanti la digestione (stomachico), stimolanti la circolazione periferica, antinfiammatorie ed antiossidanti, e si ritiene tradizionalmente contribuisca alla conservazione ed all’esaltazione dei sapori delle pietanze cui è solitamente associato. Il rizoma possiede una evidente azione antinausea, antiemetica (contro il vomito), antipiretica e antinfiammatoria.

È possibile trovare lo zenzero in numerose varianti: fresco nel reparto ortofrutta, essiccato, in polvere, candito, in salamoia o cristallizzato nel settore spezie di qualsiasi supermercato. Per ottenere il formato “in polvere” la radice viene preparata tramite ebollizione, poi disseccata e, infine, macinata. Ovviamente, come per tante altre spezie, quello che vi consigliamo è di prediligere, quando possibile, la versione fresca, in modo da far tesoro al meglio di tutte le sue proprietà.

Lo zenzero è caratterizzato da un gusto molto pungente ed intenso, lievemente piccante (ma di una piccantezza che svanisce dopo pochi istanti, a differenza di quella, ad esempio, del peperoncino, che permane per molto anche dopo la sua assunzione), con un profumo fresco e pulito che ricorda quello del limone. Questa spezia è ideale in cucina come condimento aromatizzante, sia per ricette dolci che salate (lo suggeriamo ad esempio per conferire un profumo e un gusto particolare a marmellate, creme, frutta fresca o candita, ma anche dolci da forno), liquori (in alcuni paesi anglosassoni viene usato addirittura in aggiunta ad alcune tipologie di birra) o gelati.

Cura per la diarrea

Le sostanze contenute nello zenzero sono attive contro una forma di diarrea che è uno dei principali fattori di mortalità infantile nelle nazioni in via di sviluppo. Lo zingerone è probabilmente il componente attivo contro l’enterotossigenica Escherichia coli, ovvero la diarrea nella sua forma sensibile al calore e indotta da enterotossine.

Cura per la nausea

Lo zenzero, in numerosi studi, si è dimostrato efficace per il trattamento della nausea causata dal mal di mare, dalla gravidanza, e dalla chemioterapia. Gli effetti antinausea e antivomito degli estratti etanolico ed acetonico del rizoma sono stati dimostrati sperimentalmente sul cane come rimedio agli effetti collaterali del trattamento con il farmaco antitumorale cisplatino.

Usi nella medicina popolare

C’è una gran varietà di usi per lo zenzero, nella medicina popolare. Il tè di zenzero è un rimedio per il raffreddore. Tre o quattro foglie di basilico sacro, insieme ad un pezzetto di zenzero a stomaco vuoto, sono una cura efficace per congestione, tosse e raffreddore. Il Ginger ale e la birra di zenzero sono stati raccomandati come “calmanti per lo stomaco” per generazioni, nelle nazioni dove tali bevande vengono prodotte, e l’acqua di zenzero era comunemente usata per evitare i crampi da calura, negli Stati Uniti. Lo zenzero è stato inoltre storicamente usato per trattare le infiammazioni, come confermato da diversi studi scientifici, anche se un caso specifico di artrite mostrò che lo zenzero non era meglio di un placebo o dell’ibuprofene. La ricerca sui topi di laboratorio suggerisce che lo zenzero potrebbe essere utile per il trattamento del diabete.

RICHIESTA INFORMAZIONI

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Vaso: CM/LT

VASO: Ø CM 14 – Litri: 1,2, VASO: Ø CM 18 – Litri: 3,2

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “ZENZERO”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.