I Luppoli come Coltivarli

GUIDA ALLA COLTIVAZIONE

Luppolo, nome scientifico humulus lupulus, famiglia cannabaceae, hanno avuto origine in Eurasia e sono strettamente legati alle piante di canapa.
E’ importante sapere che esistono piante maschili e femminili.
Le piante da noi vendute sono solamente piante femminili e producono il fiore più attraente, i coni.
Il luppolo è una pianta perenne, durante il periodo invernale la parte aerea scompare, salvando solamente l’apparato radicale.

Il luppolo è una pianta rampicante, cresce molto velocemente, si snoda a destra e ha bisogno di un’assistenza per la crescita come un filo, un grigliato di legno o cose simili. Il luppolo richiede almeno 4-5 mt. di sostegno per arrampicare. Per le varietà nane basteranno 2 mt..

La posizione corretta per il luppolo è molto importante, perché previene malattie e parassiti.

Una posizione molto buona, ad esempio, è un terreno profondo e drenante possibilmente a sud-ovest o sud-est di un edificio.

Il luppolo ha bisogno di molta energia durante il periodo di crescita da maggio a luglio. Il terreno con un contenuto più elevato di argilla ti aiuterà a nutrire la pianta del luppolo.

Piantate le giovani piante di luppoli a circa 4 cm di profondità. Il terreno dovrà essere leggero e soffice.

Tenete conto che le radici potrebbero crescere nel sottosuolo per una distanza notevole. Si potrebbe evitare il  problema tagliando il terreno attorno al ‘tronco’ con una vanga all’inizio della stagione di crescita.

La concimazione può essere fatta in modo simile ad altre piante: regolare con irrigazione. A causa della forte crescita del luppolo ha bisogno di sostanze nutritive, preferibilmente ben bilanciata con N (Azoto) e K2o (ossido di potassio). Concimare solamente fino all’inizio dell’estate (periodo caldo). Ovviamente si può anche utilizzare fertilizzante organico (stallatico).

Il luppolo forma uno apparato radicale importante, assolutamente resistente nel terreno. I giovani germogli crescono da queste radici ogni anno a partire da aprile.
In genere si lasciano da 1 a 3 germogli in modo da favorire lo sviluppo dei coni.
Nel caso non si fosse interessati alla raccolta dei coni, ma per uso ornalemtale, si possono lasciare anche più germogli in modo da formare una siepe. In questo caso si possono piantare le piante anche a 2/3 metri una dall’altra.

Alcuni problemi che possono incombere durante la coltivazione sono i parassiti come afidi o ragni rossi riconoscibili dalle piccole larve che si formano sotto le foglie.

Anche le malattie come la pseudoperonospora humili (peronospora) o lo sphaerotheca humili (oidio) possono incombere nel luppolo. Consigliamo sempre di prevenire con prodotti fungicidi.

Il tempo di raccolta inizia normalmente in settembre. Se dividi il cono puoi vedere una polvere giallastra dall’odore intenso. Puoi raccogliere i coni e ferli asciugare lentamente. Evitare la luce diretta del sole, altrimenti i coni diventeranno marroni.

Se si desidera utilizzare il luppolo per decorazione, è opportuno utilizzare parti più grandi della pianta e rimuovere le foglie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.